California: Viaggio nelle location dei film di Hitchcock

Da San Francisco a Los Angeles, il regista inglese Alfred J. Hitchcock restò ammaliato dalle atmosfere tipiche del Golden State.

C’è un prima e un dopo nei film di Hitchcock. La filmografia del regista inglese, del Maestro del Brivido, è oggetto di studio da parte di cineasti, critici e analisti del cinema. Tutti sono concordi che l’anno cruciale sia il 1940, quando Alfred J. Hitchcock si trasferisce dalla natia Londra, dove aveva girato le sue prime pellicole, in California.

Sulla West Coast Hitchcock diventa il Maestro del Brivido, qui trovò l’ispirazione che gli serviva per fare il salto di qualità che lo rese uno dei registi più famosi di sempre. Non solo: Hitchcock rimarrà affascinato dalla California, dai suoi paesaggi miti ma molto variegati. Assieme alla moglie Alma Reville si trasferì in una elegante villa nella deliziosa Scotts Valley e qui visse, dividendo il suo tempo fra gli studios di Los Angeles e San Francisco, la città che tanto amava.

Sono moltissimi i luoghi legati ai film di Hitchcock in California, fra location di pellicole famose e località che hanno segnato la vita del cineasta inglese. Noi di Fluidblog li abbiamo raccolti in questo articolo, e ne è venuto fuori un itinerario che permette di scoprire alcune delle mete più interessanti del Golden State in maniera diversa, un viaggio filtrato dalla cinepresa di Hitchcock fra mistero, l’ironia tipica del regista e ovviamente il brivido.

LA SAN FRANCISCO DEI FILM DI HITCHCOCK

Non è un segreto che Alfred Hitchcock amasse San Francisco per la bellezza della sua posizione, per l’atmosfera di eleganza e di mistero che sembra essere collegata alla nebbia che spesso si insinua nelle vie della città.

Una pellicola sopra a tutte testimonia questa unione: Vertigo (1958), uscito in Italia con il titolo di La donna che visse due volte. Uno dei film di Hitchcock più riusciti, con uno strepitoso James Stewart nel ruolo del protagonista –il poliziotto John Fergusson– e una inimitabile e bellissima Kim Novak, personaggio attorno al quale si muovono le vicende della pellicola.

“Attore” non meno importante per il successo di Vertigo è stata però proprio la città di San Francisco, il luogo dove si svolgono le vicende e “personaggio” aggiunto che resero la pellicola un vero e proprio capolavoro. Kim Novak e Stewart si rincorrono in alcuni dei luoghi più iconici della città, dal Golden Gate Bridge a Lombard Street, facendo assaporare allo spettatore un po’ dell’atmosfera di Frisco tanto cara a Hitchcock. Ovviamente le vicende non si svolgono solo nei pressi dei monumenti più famosi della città, ma in una infinità di palazzi e scorci che siamo andati a ricercare.

San Francisco Mission Dolores
La Mission Dolores di San Francisco

Fondamentale per la trama è la Dolores Mission, un piccolo complesso religioso nella Mission District di San Francisco. Si tratta di una minuta cappella, costruita dagli spagnoli e dai frati francescani nel 1791 ed è uno degli edifici più antichi della città. La missione è intonacata di bianco e costruita con travi delle sequoie del vicino Muir Wood; all’esterno si trova inoltre un cimitero che risulta cruciale nella trama del film di Hitchcock.

Fra i vari edifici che sono presenti in La donna che visse due volte c’è uno dei monumenti meno conosciuti ma più importanti della città: il California Palace of the Legion of Honor, un edificio neoclassico con un ampio colonnato che ospita diverse collezioni artistiche, esposizioni archeologiche con pezzi dell’antico Egitto e della Cina imperiale, esposizioni di arti grafiche e mobili pregiati.

San Francisco Legion of Honor
Il California Palace of the Legion of Honor

Il Legion of Honor si trova all’interno del pittoresco Lincoln Park, un giardino cittadino affacciato sull’Oceano Pacifico e dal quale si gode di una splendida vista sul Golden Gate.

Molte scene di diversi film di Hitchcock si svolgono all’interno e all’esterno di alberghi chiaramente riconoscibili di San Francisco. Uno dei più celebri è l’Hotel Empire, dove si svolge una delle più importanti scene di La donna che visse due volte. Oggi l’Empire esiste ancora e, dopo alcuni cambi di proprietà, è stato ribattezzato in onore della pellicola come “Hotel Vertigo”. È un piccolo e delizioso albergo del centro città, nel quartiere di Nob Hill, nel quale si respira ancora l’atmosfera della San Francisco di Alfred Hitchcock.

A NORD DI SAN FRANCISCO

Muir Woods San Francisco
Il Muir Woods è una foresta a Nord di San Francisco

Nonostante tutti associno la California alla costa Sud, a Los Angeles e a Santa Monica, è a Nord che si trovano alcuni dei panorami più belli del Golden State. Le profonde foreste della costa, le valli vinicole come la Napa, le sierre settentrionali dell’interno. Anche Hitchcock non rimase indifferente al fascino della California del Nord e scelse questi panorami per alcune sue pellicole.

Appena fuori San Francisco, dall’altra parte della baia e collegata alla città dal Golden Gate, si trova il Muir Woods, una enorme bosco di sequoie giganti. Anche qui si svolge una scena de La Donna che visse due volte, benché il passaggio sia stato filmato un poco più a Nord, sempre in California, nel Big Basin Redwood State Park.

Nella cittadina di Santa Rosa, nella regione vinicola della California del Nord, si svolgono gli eventi e sono girate alcune scene di Shadow of a Doubt (1943), uno dei primi film americani di Hitchcock uscito in Italia nel 1947 con il titolo di L’ombra del dubbio. In una delle scene della pellicola si vede chiaramente l’Old Railroad Depot 9, un vecchio deposito ferroviario risalente al 1870 che si trova nello Historic Railroad Square District, una delle zone più pittoresche della città.

Ma la location più famosa del North California è sicuramente il piccolo villaggio di pescatori di Bodega Bay, dove è ambientato e vennero girate gran parte delle scene di uno dei più celebri capolavori di Hitchcock:

Bodega Bay california
Il molo di Bodega Bay, California

The Birds (1963), conosciuto in Italia con il titolo Gli Uccelli. Uno dei film più inquietanti del Maestro del Brivido non poteva avere il successo che ha avuto se non fosse stato per la location, azzeccatissima, in cui fu girato. Il villaggio di pescatori oggi appare esattamente come doveva apparire a Hitchcock negli anni ’60, con le case basse di legno a ridosso dell’Oceano Pacifico. È curioso pensare che, proprio come nel film, Bodega Bay è un centro migratorio e ogni anno grandi stormi di uccelli si insediano sopra i tetti e sui cornicioni del piccolo villaggio di pescatori!

ATTORNO ALLA MONTEREY BAY

Monterey Bay California
La costa della California a Monterey

Spostiamoci a Sud, riattraversiamo San Francisco e imbocchiamo la strada che scende verso il mare e la cittadina di Santa Cruz. Passeremo sicuramente nei pressi della Scotts Valley, dove Alfred Hitchcock visse per oltre trent’anni. Oggi la sua tenuta, chiamata Heart O’ the Mountains, è una prestigiosa azienda vinicola. Varrebbe la pena fermarsi e brindare al vecchio Maestro del Brivido con un calice di Pinot Noir.

Poco più a Sud si trova la Mission San Juan Bautista, un grande complesso religioso spagnolo, costruito a partire dal 1797. È qui che sono girate le scene fondamentali di La donna che visse due volte, quelle dove si raggiunge il culmine della tensione.

Mission San Juan Bautista California
La Mission San Juan Bautista

Senza voler rovinare il finale del film a nessuno, in questo meraviglioso esempio di neoclassicismo coloniale spagnolo sono stati girati degli spezzoni fondamentali per la storia del cinema.

Un altro luogo che gli appassionati dei film di Hitchcock apprezzeranno sicuramente si trova a pochi chilometri dalla missione, proprio affacciato sulla Monterey Bay. Si tratta della Point Lobos State Reserve, un piccolo ma delizioso parco naturale 5 chilometri a Sud di Charmel-by-the-sea. Famoso per i suoi cipressi e i pini marittimi arroccati sulle scogliere aguzze, Point Lobos fu scelto da Alfred Hitchcock per ambientarvi la sua prima pellicola americana, Rebecca, capolavoro interpretato dal grande Laurence Olivier e da quella che allora era un astro nascente, Joan Fontaine. Curiosità: Point Lobos, nella finzione scenica, doveva rappresentare le alte scogliere della Costa Azzurra attorno a Montecarlo.

Point Lobos California
Una veduta del Point Lobos State Reserve, California

LOS ANGELES FRA HOLLYWOOD E GLI STUDIOS

Forse Alfred Hitchcock non amava Los Angeles tanto quanto San Francisco, ma per lungo tempo visse e lavorò nella città delle stelle. Il Maestro del Brivido si aggirava su Hollywood Boulevard, conteso dai più importanti e potenti produttori degli studios californiani.

Hitchcock lavorò prima per la Warner Bros, in seguito per la Paramount Picture e infine per la Universal Studios. Fu proprio qui, a Los Angeles, che il grande regista creò e diresse due dei suoi capolavori indiscussi, Psycho (1960) e La finestra sul cortile (1954). Due film molto diversi, eppure entrambi vennero costruiti quasi del tutto all’interno degli studios californiani. Una grande sfida costruire scenografie così imponenti, soprattutto quella del thriller La finestra sul cortile, ma che testimoniano ancora di più il genio del Maestro del Brivido.

Universal Studios Los Angeles Hollywood
L’enorme complesso degli Universal Studios, Los Angeles

Ultima menzione va di diritto a quello che è stato l’ultimo lungometraggio del regista inglese, Complotto di Famiglia (1976). Girato in parte a San Francisco e in parte a Los Angeles, uno dei colpi di scena della pellicola fu girato vicino a Pasadena, poco a Nord di Hollywood, nel Pioneer Cemetery di Sierra Madre. Un finale da pelle d’oca per il Maestro del Brivido!

Voglia di partire? Leggi i dettagli ed i prezzi dell’itinerario appena descritto organizzato da Alidays.