Cosa fare in un weekend ad Abu Dhabi

 In programma due giorni ad Abu Dhabi? Qualche consiglio su cosa fare e vedere in un weekend nella capitale emiratina

Un viaggio di due giorni ad Abu Dhabi non è un’ipotesi, al giorno d’oggi, così remota. Infatti la capitale degli Emirati Arabi Uniti si sta imponendo sempre più come stopover assai gradito dagli Italiani in transito verso l’Oceano Indiano, l’Oriente o l’Australia.

Cosa fare in un weekend ad Abu DhabiSe hai in programma questa sosta mordi e fuggi, potrebbe sorgerti il legittimo sospetto su cosa fare in un weekend ad Abu Dhabi, considerando l’alta concentrazione di attività e il suo ritmo velocissimo di crescita urbana e culturale, che la arricchisce incessabilmente di nuove attrazioni, di richiamo mondiale. Questo articolo prova a fornirti una serie di consigli per organizzare al meglio la tua mini vacanza ad Abu Dhabi.

Louvre di Abu Dhabi

Louvre di Abu Dhabi, Photography Mohamed Somji (4)
Esterno del Louvre di Abu Dhabi, Fotografia di Mohamed Somji

L’11 novembre 2017 ha inaugurato il nuovo Louvre di Abu Dhabi, non una semplice filiale, bensì gemmazione paritaria e autosufficiente della celebre istituzione culturale parigina, di cui reinterpreta, secondo una una declinazione inedita, incarnata nella specifica situazione geografica e storica dell’Emirato, la vocazione a raccontare la dimensione universale dello spirito umano.
Il polo museale si trova sul’isola di Saadiyat, alla lettera “della felicità”, conseguente all’illuminazione mistica (concetto, quello della luce, fondamentale nella concezione strutturale del museo, come vedremo), un distretto di 27 kmq destinato a diventare un hub architettonico e espositivo di importanza mondiale, specie quando verranno completati lo Zayed National Museum, progettato da Norman Forest, e il Guggenheim Abu Dhabi, su disegno di Frank Gehry.
La meravigliosa “cupola galleggiante di luci e ombre” disegnata da Jean Nouvel, geniale rivisitazione dell’architettura moresca in chiave contemporanea, traduce concretamente la professione del museo, di gettare un ponte tra Oriente e Occidente. E’ confermata, questa missione, dalle collezioni di opere, che coprono l’intero arco storico dell’umanità mediante capolavori di ogni epoca e luogo, dal mondo antico mediterraneo ed orientale alle tele di Leonardo, Van Gogh, Manet e Picasso.
Il Louvre d’Arabia non può che figurare in cima alla lista di cose da vedere ad Abu Dhabi in un weekend.

INFORMAZIONI UTILI:

Orari di apertura

Sabato, Domenica, Martedì, Mercoledì: 10:00-20:00
Giovedì, Venerdì: 10:00-22:00
Lunedì chiuso

Biglietti

Il biglietto d’ingresso intero ammonta a 60 AED (circa 14 €), il ridotto, per i ragazzi tra i 13 e i 22 anni, a 30 AED (circa 7 €).

Gran Moschea dello Sceicco Zayed

Cosa fare in un weekend ad Abu Dhabi Gran Moschea dello Sceicco Zayed

Chiunque voglia penetrare l’anima araba di Abu Dhabi dovrebbe visitare l’opera promossa dal primo rais degli Emirati, Sheikh Zayed, ovvero la Gran Moschea, costruita tra il 1996 e il 2007, uno dei capolavori della civiltà moderna. Quando arriverai al suo cospetto sarai quasi spaesato, avendo l’impressione di trovarti davanti a un miraggio bianchissimo, lucente al sole del Golfo persico, un iceberg che emerge dalle fontane modellato in cupole (80), arcate (sostenute da un migliaio di colonne), camminamenti merlati e minareti.
Aggirandoti tra i suoi ambienti sfarzosi ti sembrerà di vagare nel sogno capriccioso, etereo, di un architetto visionario: volte possenti intarsiate di decori geometrici e floreali, arredi quasi incredibili, come lampadari d’oro che piovono diamanti (uno di essi, pesante 9 tonnellate, misura 10 metri di diametro e 15 di altezza) e tappetti orditi come campi in fiore (tra cui il più grande del mondo), mosaici e deambulatorii in madreperla tra cui la luce, filtrando, crea penombre quiete e atmosfere simili a quelle dell’incavo di una conchiglia. Nel cantiere della Gran Moschea dello Sceicco Zayed, che ha assorbito 545 milioni di dollari, hanno cooperato saperi e maestranze provenienti da tutto il mondo, proponendo una rilettura innovativa e geniale della tradizione artistica islamica: forse solo una tale concentrazione di forze ed energie avrebbe potuto dare realtà a un progetto altrimenti destinato a rimanere nel regno dell’inverosimile o dell’utopico.

INFORMAZIONI UTILI:

Orari di apertura

La Gran Moschea è aperta al pubblico tutti i giorni, eccetto il venerdì mattina, quando si tiene la preghiera dei fedeli.*
Da Sabato a Giovedì, 09:00-22:00 (con ultimo ingresso alle 21:30)
Venerdì, 16:30-22:00

*durante il nono mese del calendario islamico, il sacro Ramadan, la Gran Moschea, accoglie i visitatori tutti i giorni dal Sabato al Giovedì, dalle 09:00 alle 14:00, e rimane completamente chiusa il Venerdì

Ingesso libero

Yas Marina Circuit

Cosa fare in un weekend ad Abu Dhabi Yas Marina Circuit

Non c’è bisogno di essere dei campioni per testare l’asfalto di un impianto che ospita gare ufficiali di Formula 1. Durante il tuo weekend ad Abu Dhabi, infatti, potrai lanciarti lungo la serpentina dell’avveniristico autodromo di Yas Marina, inaugurato nel 2009, dalla struttura moderna, sinuosissima, e il percorso decisamente stimolante, a bordo del tuo mezzo preferito.
Avrai a tua disposizione una serie di esperienze che ti faranno provare per un giorno le emozioni intense e ai limiti dell’umano, solitamente privilegio di chi arriva ai 300 chilometri all’ora. Se vuoi vivere in prima persona il clima eccezionale e contagioso di un Gran Premio potrai montare nell’abitacolo di una Formula Yas 3000, dotata di un motore da 3000 cavalli e 6 cilindri, e lanciati come una scheggia impazzita, mentre verrai ripreso da videocamere che registreranno le tue manovre mirabolanti. Per sensazioni meno adrenaliniche, ma altrettanto indelebili, ti aspettano altre due auto da corsa: una Le Mans decappottabile, a due posti, o un’Aston Martin GT4 Leggera, elegante e veloce. Per tutti i pacchetti giornalieri disponibili (pilota, lezioni di guida, acquisizione di licenza di pilota), consigliamo questa pagina di Visit Abu Dhabi.

Ferrari World Abu Dhabi

Cosa fare in un weekend ad Abu Dhabi Ferrari

Quando, poco lontano dal circuito automobilistico di Yas Marina, scorgerai un edificio dal colore rosso squillante e le linee architettoniche avveniristiche e moderne, non dovrai sorprenderti scoprendo che vi è ospitato il più grande tempio mondiale dedicato al culto del Cavallino Rampante! Appassionato o meno di motori che tu sia, Ferrari World Abu Dhabi ti proietterà in una dimensione a parte, dove la regola fondamentale è dettata dalla voglia di divertirsi e provare emozioni intense, ideale per una giornata di spensieratezza ed evasione insieme a tutta la famiglia. Non avrai bisogno di essere trascinato dall’entusiasmo dei più piccoli per rimanere stregato dalle numerose attrattive del parco tematico: sicuramente raggiungerai il culmine dell’adrenalina sul Formula Rossa, le montagne russe, con vagoni rigorosamente a forma di Ferrari, più veloci del mondo, capaci di raggiungere i 240 chilometri all’ora, oppure sulle Flying Aces che, in materia di record da guinness dei primati, vanta il più alto salto mortale del pianeta, per non parlare dell’esposizioni interattive sull’evoluzione dei modelli e dello Speed of Magic, avventura 4D tra ambientazioni mozzafiato che sembrano più reali della stessa realtà, e dei percorsi in miniatura alla scoperta dell’Italia.

Orari di apertura

Tutti i giorni, dalle 11:00 alle 20:00

Costi d’ingresso sulla pagina apposita del sito ufficiale

Arabian Wildlife Park

Cosa fare in un weekend ad Abu Dhabi Yas Island

Basta una mezzora di volo (al costo di 80 € andata e ritorno) per raggiungere la Sir Bani Yas Island, 250 km Sud-Ovest di Abu Dhabi, una lingua piatta, sabbiosa, un tempo saldata alla Penisola, che ospita l’Arabian Wildlife Park, nel quale vivono in libertà oltre 13000 animali, tra cui spiccano gli elegantissimi orici arabi, nonché ghepardi e iene, gazzelle e giraffe (quest’ultime ammirabili, per l’entusiasmo dei tuoi bambini, direttamente negli occhi salendo su apposite piattaforme in legno). A bordo di speciali veicoli 4×4, dotati di vetrate molto ampie, ti avventurerai alla scoperta dell’eccezionale patrimonio floreale e faunistico di questo frammento di savana baciato dalle onde e dalla brezza marina. Rimarrai incantato dalla sua natura riarsa, dalla bellezza quasi violenta degli animali allo stato brado, che si avvicineranno senza timore, non abituati alle minacce umane. Se preferirai un contatto ancora più intimo e diretto con l’ambiente potrai montare a cavallo e attraversare gli angoli più incontaminati del parco. Inoltre l’isola ospita i resti archeologici di un antico santuario cristiano, datato tra il 600 e il 750 d.C..

in collaborazione con