La piccola capitale di Cape Cod, amata dai Kennedy, tra dune, fari e ottima cucina

La cosiddetta Capital of the Cape, ovvero della penisola di Cape Cod, un lungo tentacolo di dune che, s’evince dai diari in cui Thoreau lo definisce un luogo dell’anima americana, gli palesava l’armonia della natura, il suo parlare più alto della storia, sembra tutto fuorché una capitale. Hyannis è riservata, tranquilla. Gli edifici storici di Main Street, i villini appartati, il porticciolo romantico, non hanno nulla a che fare col caos tipico di ogni centro di potere. Non a caso i membri di una delle famiglie più influenti d’America, i Kennedy, si ritiravano qui per scordarsi le storture della civiltà. Respirando il vento salso, nella luce sconfinata che solo l’Oceano sa emanare.

In vacanza coi Kennedy

Cape Cod è una località vacanziera amatissima dalle grandi schiatte americane. Inevitabile che i anche Kennedy la eleggessero a rifugio balneare e quartier generale per la programmazione delle proprie iniziative pubbliche. Da buon capostipite, iniziò la tradizione, nel 1926, Joseph P.: acquistò un cottage, imitato, negli anni a venire, dai figli John Fitzgerald, il Presidente, e Ted, che qui trascorsero le estati felici dell’infanzia. Tutto il complesso, detto Kennedy Compound, include tre ville e 24 mila mq di terreni affacciati sull’Oceano di Hyannis: nonostante faccia parte dell’U.S. National Register of Historic Places non è ancora visitabile. Nel centro urbano, però, il John F. Kennedy Hyannis Museum racconta e documenta il rapporto di quegli uomini con questa sottile striscia di terra. Interessantissimo il JFK Legacy Trail, passeggiata di 2,5 km, da compiere in completa autonomia, sui luoghi legati ai Kennedy: ognuna delle dieci tappe dispone di pannelli informativi e supporti audio, per approfondire al meglio una storia straordinaria.

L′orchestra sull′Oceano

Musica lirica e da camera in una piccola cittadina che sorge sull’Oceano Atlantico, tra dune costiere, fari e pescherecci? A Hyannis è possibile, ulteriore conferma del suo lignaggio di buen retiro dell’alta borghesia americana: la Cape Cod Symphony Orchestra, una delle più rinomate di tutto il Massachusetts, tiene regolarmente concerti al Barnstable Performing Arts Center, magnifico teatro da 1400 posti a sedere. Buon ascolto, sul sottofondo delle onde.

Sfizi oceanici

La cucina marinara di Cape Cod è, notoriamente, tra le più gustose e al contempo raffinate d’America. Aragoste, astici, frutti di mare (da assaggiare il quahog, l’umile vongola, abbondante in questo settore del New England, dalla carne consistente e saporita, detta anche hard clam), pesci di tutte le fogge. Hyannis, però, ha in serbo qualcosa in più: l’ottima Cape Cod Beer, etichetta artigianale di cui si può visitare anche il laboratorio, e le leggendarie, sfiziosissime Cape Cod Potato Chips, che pure organizza tour dello stabilimento produttivo.

Le isole

Il porto di Hyannis garantisce collegamenti regolari con due delle più esclusive isole americane: l’aristocratica Martha’s Vineyard, spettacolare anche da un punto di vista naturalistico, grazie a brughiere, spiaggette, falesie vegliate da ben sei fari, e Nantucket, ex floridissimo centro baleniero, oggi signorile centro di villeggiatura, da cui partirono i “folli voli” del Gordon Pym di Poe e del Capitano Achab sulle tracce di Moby Dick, l’Odissea di Melville, l’Omero del Nuovo Mondo.

Whale Watching

Da aprile a ottobre, le balene transitano nelle acque dello Stellwagen Bank National Marine Sanctuary, area della Baia del Massachusetts sottoposta a tutela ambientale per l’eccezionale importanza che riveste nella riproduzione di specie animali e per il mantenimento della biodiversità marina. Cape Cod compare annualmente nella top ten mondiale delle migliori località per praticare whale watching. Uscite organizzate da Hyannis permettono di addentrarsi in questo formidabile santuario, consacrato alla Vita.