Il Tour completo West USA va dalle metropoli costiere della California, Los Angeles e San Francisco, ai grandi Parchi Nazionali dell’interno, tra cultura e natura – PARTENZA GARANTITA

Quota di partecipazione € 3.845 per persona (inizio tour 10 agosto 2018)

Parla con Alidays e riceverai, senza impegno alcuno, idee e suggestioni di viaggio, oltre all’indicazione di un esperto selezionato tra i nostri partner presenti sul tuo territorio, con cui progettare la prossima vacanza.

Chiamaci al +39 0287238400

Compilando il form potrai decidere quando farti ricontattare da Alidays: senza impegno alcuno, riceverai idee e suggestioni di viaggio, oltre all’indicazione di un esperto, selezionato tra i nostri partner presenti sul tuo territorio, con cui progettare la prossima vacanza.


Nome (campo obbligatorio)

Cognome (campo obbligatorio)

Email (campo obbligatorio)

Numero di telefono (campo obbligatorio)

Giorno (campo obbligatorio)

Fascia di orario dalle (campo obbligatorio)

alle (campo obbligatorio)

Messaggio opzionale


Compilando il form potrai prenotare, senza impegno alcuno e in base alla tua disponibilità, un appuntamento con un esperto selezionato tra i nostri partner presenti sul tuo territorio.

Luogo (campo obbligatorio)

Nome(campo obbligatorio)

Cognome(campo obbligatorio)

Email (campo obbligatorio)

Numero di telefono (campo obbligatorio)

Messaggio opzionale

Il Tour completo West USA è il viaggio esclusivo di Alidays che concentra in un ricco itinerario tutto le mete imperdibili di California, Arizona, Utah e Nevada. Dalle metropoli della Pacific Coast, Los Angeles e San Francisco, tra i principali poli culturali del mondo, alla natura alpestre della Sierra Nevada, tutelata dallo Yosemite National Park, dalle notti folli di Las Vegas, la luminosa regina del deserto, alle meraviglie geologiche di Grand Canyon, Monument Valley e Bryce Canyon, con in mezzo tante sorprese meno note che offriranno un quadro completo di questi paesaggi sterminati, rossastri, emblemi del vecchio West pionieristico e selvaggio. Alle radici degli USA.

Accompagnati da un tour leader esperto, i partecipanti partiranno da Los Angeles, con una visita, accompagnata da guida locale, che ne toccherà le principali attrazioni. Si toccheranno il teatro Dorothy Chandelier, dove sono assegnati i Premi Oscar, Olvera Street, all’interno del Pueblo de Los Angeles Historical Monument, arteria madre della città, dall’aria squisitamente messicana. Si continuerà verso Hollywood Hills, attraverso l’Hollywood Boulevard, con una puntata innanzi al TLC Chinese Theatre (chiamato in precedenza Grauman’s Chinese Theatre e Mann’s Chinese Theatre), sul cui piazzale d’ingresso hanno impresso le proprie orme, con tanto d’autografo, vip del jet set come Brad Pitt e George Clooney, oltre ai registi Steven Spielberg e Georges Lucas e quasi tutti i divi della cinematografia. Dopo la sosta, si camminerà lungo il mitico Sunset Boulevard, sede di due templi della musica americana. Sunset Sound è il più longevo studio indipendente rimasto nelle mani della stessa proprietà da quando, nel 1958, fu fondato da un collaboratore di Walt Disney per i suoi film. Anche l’aria, vintage e immutata, è la stessa che respirarono in registrazioni storiche i Led Zeppelin, i Rolling Stones, The Doors, Miles Davis e Elton John, Keith Richard e Mike Jagger, Ringo e Jhon Lennon, senza stare ad eccedere in elenchi di stelle. Gli United Western rispondono con miti del calibro di Bing Crosby, Frank Sinatra, Elvis Presley, Nat King Cole e Ray Charles, volendo ancora essere parchi di enumerazioni. Si continuerà su Rodeo Drive per lo shopping.

Il Tour completo West USA si avvierà dunque allo spettacolo del Grand Canyon, uno dei parchi americani più visitati, con oltre 5.5 milioni di accessi annui. Non si tratta di una semplice gola, ma di una fenditura dall’aspetto apocalittico, lunga circa 450 km (per intenderci, la si potrebbe percorrere senza interruzioni da Milano ad Ancona), larga, variabilmente, tra i 500 metri e i 29 km, e con una profondità che arriva a sfiorare i 1900 metri. Il poderoso spaccato di rocce sedimentarie è un libro la cui complessa stratigrafia mostra tracce risalenti anche a 500 milioni di anni fa, un intero processo di orogenesi fossilizzato in una stasi apparente. Successivo must paesaggistico sarà  la Monument Valley, con un’escursione in 4×4 nel suo sfondo inconfondibile dell’immaginario Western, si pensi ai film di John Ford: impossibile non trovare molto familiare, grazie al mito cinematografico, l’altopiano rugginoso, nota cromatica dovuta alla la presenza di estesi accumuli di ossido di ferro, costituito dall’antico letto del Colorado, punteggiato di magnifici monoliti detti “butte” e, in termini scientifici, testimoni d’erosione.

La tappa successiva regalerà due eccezionali gioielli del West, nelle vicinanze di Lake Powell, invaso artificiale creato sbarrando il fiume Colorado mediante la costruzione della diga di Glen Canyon, completata nel 1963. Lungo quasi 300 km, il bacino è situato al confine tra gli Stati di Arizona e Utah. Si visiteranno due celebri siti di rilevanza geologica e paesistica, posti nelle sue vicinanze. Antelope Canyon, forse il più fotografato al mondo nel suo genere degli slot “canyon”, è corridoio aperto dalla pressione caparbia dell’acqua, lungo, nella sua articolazione complessiva, circa 600 metri, profondo 37 e molto angusto: ricorda un labirinto magico, dalle pareti d’arenaria che sembrano appena modellate dal passaggio di un onda, con le loro curve lisce dalla consistenza di magma solido e la lucentezza fragile dell’alabastro. Non distante si ammirerà l’Horseshoe Band, un meandro del fiume Colorado che disegna un strettoia a forma di ferro di cavallo, come dice il nome, una U perfetta di 277 gradi, serpeggiante in mezzo a pareti scoscese, dai colori tenui.

Entrato in Utahil Tour completo West USA abbraccerà Bryce Canyon, un insieme di quinte, scenografiche e accidentate, che scavano parte dell’Altopiano di Paunsaugunt, frastagliandolo di hoodoos, o “camini delle fate”, alti pinnacoli di roccia, solitamente sedimentaria, formati dall’incessante erosione atmosferica, e poi lo Zion National Park, area protetta estesa su una gola scavata dal Virgin River, che forma anfiteatri con dislivelli di 800 metri. Sebbene il nome si ricolleghi all’arrivo dei Mormoni, i quali credettero di aver trovato, nel verdeggiante canyon di 24 km, il Sion biblico, questo ecosistema arido, ricco di rare specie vegetali e animali, ospita presenze umane fin dalle prime popolazioni native del Nord America. Lasciatisi alle spalle i Parchi Nazionali dello scheletro roccioso del continente, ci si inoltrerà nel deserto del Mojave, contiguo a quello di Sonora, per arrivare a Las Vegas, “the city of lights”, dove lasciarsi andare alla fiumana accecante di Fremont Street (12 milioni di luci al neon) e la confusione babelica del mitico Strip, una concentrazione unica al mondo di casinò e hotel d’alto lusso. Una notte nella metropoli del deserto è una scommessa che vale una vita.

Tornando in California, dopo un’eventuale sosta al Death Valley National Park, qualora resa possibile dalle temperature, ci si appoggerà a Mammoth Lakes, cittadina fondata dai cercatori d’oro alla modica altezza di 2400 metri, nel cuore vergine della Sierra Nevada, base perfetta per escursioni naturalistiche, caratterizzata da una vivace vita serale e culturale, specie d’estate. Da qui è facilissimo raggiungere lo Yosemite National Park, uno dei parchi americani più visitati, anch’esso Patrimonio UNESCO (il terzo incontrato fin’ora in questo viaggio, insieme a Grand Canyon e Mesa Verde): si godrà di una vera e propria rinascita, dopo l’aridità infernale della Death Valley, in questo santuario granitico della Sierra Nevada ammantato da boschi di sequoie giganti abbeverati dai ruscelli limpidi che si diramano da cascate impressionanti, come le Yosemite Falls, alte ben 700 metri. Un tempio della biodiversità che mostra il volto primigenio, incontaminato, fresco e verde, dell’ecosistema montano del Nord America.

Il capolinea del Tour completo West USA sarà San Francisco, la città simbolo dell’avanguardia, della controcultura, dell’apertura, del melting pot culturale. I must da vedere il Civic Center, Union Square, Chinatown, Fisherman’s Wharf e Alcatraz Island, il Pier 39 affollato di leoni marini e il Golden Gate Bridge.Un arrivederci negli States.

  • TRASFERIMENTO COLLETTIVO IN ARRIVO

    Dall’aeroporto all’hotel

  • TOUR GUIDATO ″COMPLETE WEST USA″

    Lingua: italiano esclusivo

  • Venezia - Los Angeles

    1° giorno (venerdì 10 agosto) Partenza da Venezia con destinazione Los Angeles. Incontro con la guida italiana esclusiva Alidays e trasferimento presso hotel Hilton Los Angeles o similare.  Sistemazione nelle camere riservate e pernottamento.

  • Los Angeles - Las Vegas

    2° giorno (sabato 11 agosto) Colazione in hotel. Incontro con la guida e partenza per la vista, di 8 ore, di Los Angeles e delle sue principali attrazioni. Si toccheranno il teatro Dorothy Chandelier, dove sono assegnati i Premi Oscar, Olvera Street, all’interno del Pueblo de Los Angeles Historical Monument, arteria madre della città, dall’aria squisitamente messicana. Si continuerà verso Hollywood Hills, attraverso l’Hollywood Boulevard, con una puntata innanzi al TLC Chinese Theatre (chiamato in precedenza Grauman’s Chinese Theatre e Mann’s Chinese Theatre), sul cui piazzale d’ingresso hanno impresso le proprie orme, con tanto d’autografo, vip del jet set come Brad Pitt e George Clooney, oltre ai registi Steven Spielberg e Georges Lucas e quasi tutti i divi della cinematografia. Dopo la sosta, si camminerà lungo il mitico Sunset Boulevard, sede di due templi della musica americana. Sunset Sound è il più longevo studio indipendente rimasto nelle mani della stessa proprietà da quando, nel 1958, fu fondato da un collaboratore di Walt Disney per i suoi film. Anche l’aria, vintage e immutata, è la stessa che respirarono in registrazioni storiche i Led Zeppelin, i Rolling Stones, The Doors, Miles Davis e Elton John, Keith Richard e Mike Jagger, Ringo e Jhon Lennon, senza stare ad eccedere in elenchi di stelle. Gli United Western rispondono con miti del calibro di Bing Crosby, Frank Sinatra, Elvis Presley, Nat King Cole e Ray Charles, volendo ancora essere parchi di enumerazioni. Si continuerà su Rodeo Drive per lo shopping.
    Nel pomeriggio partenza verso Las Vegas, con passaggio nel Deserto del Mojave. Sistemazione presso hotel Luxor, o similare. Cena in ristorante e pernottamento.

  • LAS VEGAS - GRAND CANYON

    3° giorno (domenica 12 agosto) Colazione  in hotel. Partenza in mattinata per il Grand Canyon, a cui si accederà dall’ingresso di Tusayan, uno dei National Park più visitati degli USA, con oltre 5.5 milioni di accessi all’anno. Non si tratta di una semplice gola, ma di una fenditura dall’aspetto apocalittico, lunga circa 450 km (per intenderci, la si potrebbe percorrere senza interruzioni da Milano ad Ancona), larga, variabilmente, tra i 500 metri e i 29 km, e con una profondità che arriva a sfiorare i 1900 metri. Il poderoso spaccato di rocce sedimentarie è un libro la cui complessa stratigrafia mostra tracce risalenti anche a 500 milioni di anni fa, un intero processo di orogenesi fossilizzato in una stasi apparente.
    Si raggiungerà il superbo belvedere del Bright Angel, principale punto di osservazione del South Rim. Sistemazione presso hotel Yavapai Lodge o similare. Cena in ristorante.

    Add-on Il brivido e l’emozione di un volo in elicottero sul Grand Canyon sarà il completamento perfetto della visita. In pochi minuti di volo ci si spingerà fino al North Rim! (Euro 210 per persona).

  • GRAND CANYON - MONUMENT VALLEY - PAGE

    4° giorno (lunedì 13 agosto) Colazione in hotel. Proseguimento verso Desert View, per osservare da un’altra prospettiva il Grand Canyon, e poi in direzione Est, dove si giungerà alla Monument Valley: la sconfinata pianura di colore rossastro, a causa della presenza di estesi accumuli di ossido di ferro, formata dall’antico tracciato del fiume Colorado, è punteggiata dai massicci monoliti, detti butte o mesas e in gergo scientifico testimoni di erosione, che compaiono sullo sfondo di tante scene di cow boys e carovane.Un giro a bordo di veicoli fuoristrada costituirà un’occasione unica per avvicinare gli imponenti altari di pietra. Proseguimento per Page e sistemazione presso hotel Hampton Inn & Suites Page – Lake Powell o similare. Cena in ristorante e pernottamento.

  • PAGE - BRYCE CANYON

    5° giorno (martedì 14 agosto)  Colazione in hotel. Sosta al Lake Powell, invaso artificiale creato sbarrando il fiume Colorado mediante la costruzione della diga di Glen Canyon, completata nel 1963. Lungo quasi 300 km, il bacino è situato al confine tra gli Stati di Arizona e Utah. Si visiteranno due celebri siti di rilevanza geologica e paesistica, posti nelle sue vicinanze. Antelope Canyon, forse il più fotografato al mondo nel suo genere degli slot “canyon”, è corridoio aperto dalla pressione caparbia dell’acqua, lungo, nella sua articolazione complessiva, circa 600 metri, profondo 37 e molto angusto: ricorda un labirinto magico, dalle pareti d’arenaria che sembrano appena modellate dal passaggio di un onda, con le loro curve lisce dalla consistenza di magma solido e la lucentezza fragile dell’alabastro. Non distante si ammirerà l’Horseshoe Band, un meandro del fiume Colorado che disegna un strettoia a forma di ferro di cavallo, come dice il nome, una U perfetta di 277 gradi, serpeggiante in mezzo a pareti scoscese, dai colori tenui.
    Proseguimento verso Bryce Canyon, insieme di quinte, scenografiche e accidentate, che scavano parte dell’Altopiano di Paunsaugunt, frastagliandolo di hoodoos, o “camini delle fate”, alti pinnacoli di roccia, solitamente sedimentaria, formati dall’incessante erosione atmosferica. Sistemazione presso hotel Best Western Ruby’s Inn o similare. Cena in ristorante e pernottamento.

  • BRYCE CANYON - LAS VEGAS

    6° giorno (mercoledì 15 agosto) Colazione in hotel. Il Tour completo West USA proseguirà verso lo Zion National Park, area protetta estesa su una gola scavata dal Virgin River, che forma anfiteatri con dislivelli di 800 metri. Sebbene il nome si ricolleghi all’arrivo dei Mormoni, i quali credettero di aver trovato, nel verdeggiante canyon di 24 km, il Sion biblico, questo ecosistema arido, ricco di rare specie vegetali e animali, ospita presenze umane fin dalle prime popolazioni native del Nord America. Lasciatisi alle spalle i Parchi Nazionali dello scheletro roccioso del continente, ci si inoltrerà nel deserto del Mojave, contiguo a quello di Sonora. per arrivare a Las Vegas, “the city of lights”, con la fiumana accecante di Fremont Street (12 milioni di luci al neon) e la confusione babelica del mitico Strip, una concentrazione unica al mondo di casinò e hotel d’alto lusso. Serata a disposizione per scoprire questo miraggio brulicante. Sistemazione presso hotel Luxor o similare. Cena in ristorante e pernottamento.

  • LAS VEGAS - MAMMOTH LAKES

    7° giorno (giovedì 16 agosto) Colazione in hotel. Partenza al mattino prestissimo per tentare di accedere al Death Valley National Park. Se le temperature non dovessero permetterlo (qui si registrano quelle più alte di tutto il Nord America), ci si dirigerà verso Mammoth Lakes, seguendo direttamente la Highway 95. Sistemazione presso hotel Mammoth Mountain Inn o similare. Cena e pernottamento.

  • MAMMOTH LAKES - YOSEMITE NATIONAL PARK

    8° giorno (venerdì 17 agosto) Colazione in hotel. Partenza per lo Yosemite National Park, con accesso dal passo Tioga. Visita al Parco, Patrimonio UNESCO: questo acrocoro granitico della Sierra Nevada, ammantato da boschi di sequoie giganti tra i quali scorrono ruscelli limpidi che si diramano da cascate impressionanti, come le Yosemite Falls, alte ben 700 metri, è un tempio della biodiversità in cui si mostra il volto primigenio, incontaminato, fresco e verde, dell’ecosistema montano del Nord America. Sistemazione presso un hotel della Yosemite Area. Cena in ristorante e pernottamento.

  • YOSEMITE NATIONAL PARK - SAN FRANCISCO

    9° giorno (sabato 18 agosto) Colazione in hotel. Partenza in mattinata per San Francisco. Arrivo e sistemazione presso hotel Da Vinci Villa o similare. Primo approccio alla città e al meraviglioso Fisherman’s Wharf, quartiere marinaro rinomato grazie ai suoi chioschi di specialità a base di pesce. Cena presso Bubba Gump Shrimp & Co. Rientro in hotel e pernottamento.

  • SAN FRANCISCO

    10° giorno (domenica 19 agosto) Prima colazione in hotel. Incontro con la guida e partenza per la visita di San Francisco a bordo di bus privato, attraverso i principali punti di interesse di questa città simbolo dell’avanguardia, della controcultura, dell’apertura, del melting pot culturale: Union Square, Chinatown, North Beach, Fisherman’s Wharf, Pier 39, Golden Gate Bridge e l’attiguo parco, Twin Peaks, Castro District, Market Street, il distretto di case vittoriane vicino ad Alamo Square, City Hall e Civic Center. Cena in serata presso Hard Rock Cafè. Rientro in hotel e pernottamento.

  • SAN FRANCISCO

    11° giorno (lunedì 20 agosto) Colazione in hotel. Giornata libera per approfondire le visite, con tour leader a disposizione. Trasferimento nel primo pomeriggio all’aeroporto, in tempo utile per il volo di rientro verso l’Italia.

Patrizia Pegolotti
Patrizia Pegolotti

Area di esperienza:
Gruppi tutte le destinazioni
Destinazione preferita:
Giappone
Tipo di viaggio ideale:
Viaggio in compagnia per condividere con altri splendide esperienze
Viaggio perchè...
La memoria e l'esperienza di un viaggio condiviso con chi ami sono indelebili tutto il resto è caduco e il più delle volte superfluo.

Quota di partecipazione

3.845
  • SONO COMPRESI NELLA TARIFFA

    Passaggi aerei a/r in classe economica

    10 pernottamenti presso gli hotel indicati o similari, di categoria 3* e 3* superior

    10 colazioni (miste tra americane e continentali)

    9 cene in ristorante

    Tour Leader Alidays

    Bus privato per tutta la durata del viaggio

    Ingressi ai Parchi

    Tour in fouristrada di 1,5 h nella Monument Valley

    Tour Lower Antelope Canyon

    Guida locale a Los Angeles e San Francisco per l'intera giornata

    Assicurazione medico/bagaglio

    Documentazione personalizzata e borsa viaggio

  • NON SONO COMPRESI NELLA TARIFFA

    Tasse aeroportuali

    Eventuali tasse d’imbarco in partenza, tasse doganali e parcheggi

    Mance ed extra in genere

    Eventuali Resort Fee negli Hotel (Las Vegas 34 usd per camera per notte)

Itinerario in mappa