Un tour della Cina, attraverso il suo patrimonio artistico-architettonico e spirituale, dal Palazzo Imperiale di Pechino alla città sacra buddhista di Lhasa, capitale del Tibet ai piedi dell’Himalaya

A partire da € 3.030 per persona

Parla con Alidays e riceverai, senza impegno alcuno, idee e suggestioni di viaggio, oltre all’indicazione di un esperto selezionato tra i nostri partner presenti sul tuo territorio, con cui progettare la prossima vacanza.

Chiamaci al +39 0287238400

Compilando il form potrai decidere quando farti ricontattare da Alidays: senza impegno alcuno, riceverai idee e suggestioni di viaggio, oltre all’indicazione di un esperto, selezionato tra i nostri partner presenti sul tuo territorio, con cui progettare la prossima vacanza.


Nome (campo obbligatorio)

Cognome (campo obbligatorio)

Email (campo obbligatorio)

Numero di telefono (campo obbligatorio)

Giorno (campo obbligatorio)

Fascia di orario dalle (campo obbligatorio)

alle (campo obbligatorio)

Messaggio opzionale


Compilando il form potrai prenotare, senza impegno alcuno e in base alla tua disponibilità, un appuntamento con un esperto selezionato tra i nostri partner presenti sul tuo territorio.

Luogo (campo obbligatorio)

Nome(campo obbligatorio)

Cognome(campo obbligatorio)

Email (campo obbligatorio)

Numero di telefono (campo obbligatorio)

Messaggio opzionale

Il viaggio in Tibet di Alidays consiste in un tour guidato che, attraverso complessi artistico-architettonici di valore inestimabile (ben 8 dei quali Patrimoni dell’UNESCO), incarnazioni di millenarie tradizioni religiose e spirituali, oltreché di articolate concezioni cosmologiche e politiche, consente di scandagliare in profondità l’identità culturale del Paese asiatico, dalle età più remote ai giorni nostri.

Lungo l’asse ideale Pechino a Lhasa, principale centro istituzionale e sacrale del Tibet, i partecipanti a questo viaggio in Cina percorreranno almeno 2200 anni di storia, dalle ultime, avveniristiche realizzazioni connesse alle Olimpiadi del 2008, all’energica figura di Qin Shi Huang, il primo imperatore cinese che, nel 221 a.C., unificò sotto la dinastia Qin territori immensi, iniziò la costruzione della Grande Muraglia e, terrorizzato, umanamente, dalla morte, fece vegliare il suo mausoleo, e il transito finale, dal celebre Esercito di Terracotta, dopo aver cercato invano, in tutta la Terra, la droga per la vita eterna.

A dare il via al viaggio in Tibet saranno le meravigliose strutture curtensi, Patrimonio UNESCO, di Pechino, Běijīng, “capitale del Nord”, assurta al suo ruolo già con gli Yuan, di stirpe mongola e dunque interessati a mantenere il baluardo del potere a settentrione, e definitivamente col terzo imperatore Ming Yongle (1402-1424), che promosse la colossale costruzione della Città Proibita, una reggia composta da quasi 1000 edifici e 9000 stanze, il più grande palazzo del mondo, esteso su 72 ettari, che testimonia, con il suo raffinatissimo impianto generale e i singoli capolavori artistici da cui è impreziosito, le svariate funzioni burocratico – amministrative svoltevi, ordinate in una visione armonica secondo i principi supremi del taoismo e del buddhismo, introdotto dai Qing. A Pechino si visiteranno anche il Palazzo d’Estate, o Yiheyuan (altro Patrimonio UNESCO), residenza di campagna settecentesca, commissionata dal sovrano manciù Qianlong e incorniciata da un delicato giardino lacustre, il tratto della Grande Muragli Cinese noto come Badaling, eretto sotto i Ming agli inizi del 1500 (siamo al terzo Patrimonio UNESCO), fino a due capolavori di architettura contemporanea, lo Stadio nazionale, soprannominato Bird’s Nest, per via della trama a nido d’uccello della copertura, e al vicino Centro Acquatico Nazionale, o Water Cube, che vanta il record per l’estensione della sua copertura esterna in ETFE, particolare materiale plastico.

Dopo il tour, sempre nella capitale, al Tempio del Cielo, o del Paradiso, mirabile sito cultuale taoista che simbolizza l’unione tra Cielo e Terra, Dio e mondo, vegliata e propiziata dall’assetto imperiale (anche questo Patrimonio UNESCO risale allo fervido splendeur della fase Ming del primo ‘400), il viaggio in Tibet si trasferirà, mediante volo interno, a Xi’an, nello Shanxi, capolinea orientale della Via della Seta e mitica capitale nel corso di tredici dinastie che, alla fine del VI° secolo d.C., risultava addirittura la più estesa e popolosa città del pianeta. Qui si apprezzeranno il già citato Esercito di Terracotta, riproduzione realistica di un’armata, composta da circa 8000 guerrieri, 100 cavalli e numerose macchine belliche, dal significato escatologico, la pregevole Piccola Pagoda dell’Oca Selvatica (VII° sec. d.C.) e la Grande Moschea, la principale della Cina (12.000 mq), finanziata intorno all’VIII° sec. d.C. dai mercanti arabi provenienti dall’Asia centrale, esempio eccezionale di sincretismo tra il canone estetico cinese e l’arte islamica.

Da Xi’an un altro volo farà approdare questo ricco tour della Cina al suo coronamento. Eccoci nello Shangri-La, il paradiso montano, contemplativo, dove scaturirono le primitive, incontaminate sapienze umane, sull’altopiano più alto della Terra. Lhasa, il cui nome significa “Trono di Dio”, sita ai 3600 metri di quota, al cospetto della corona fulgida dell’Himalaya, fu fondato nel VII° secolo da Songtsen Gampo, padre dell’Impero tibetano, ed è stata sede del Dalai Lama dal 1645 al 1959. Il simbolo del suo ruolo di guida teocratica, imponente e superbo, è il Palazzo del Potalaka, acropoli sacra del buddhismo (Patrimonio UNESCO). La prodigiosa reggia-monastero, labirintica e aerea, coi suoi spalti bianchi che incorniciano un corpo di fabbrica cremisi (i Palazzi Bianco e Rosso), tempietti, cappelle, gallerie, giardini, sembra un miraggio frutto dell’immaginazione, cui accorrono frotte di pellegrini offrendo sciarpe di seta, monete o burro di yak da bruciare nei santuari: promosso dal quinto Dalai Lama del Tibet, Ngawang Lozang Gyatso, a partire dal 1645 (non lo vide però completato, essendo morto prima del 1693), si calcola contenga 1000 sale, oltre 10 mila reliquari e altrettanti rotoli dipinti, 200 mila statue, 698 murales e innumerevoli altri capolavori artistici che riflettono i valori del monachesimo gelug. Le altre meraviglie di Lhasa incluse nel tour saranno il Tempio Jokhang, considerato dai fedeli il più sacro e importante del Tibet, notevole fusione di stile Vihara indiano e influssi nepalesi, sovrappostisi nelle varie fasi costruttive, dal 600 al 1600 d.C., che gli è valso l’inserimento nei Patrimoni UNESCO (tra le opere d’arte che ospita, notevole la statua del Buddha Shakyamuni, condotta dalla principessa Wencheng  nell’VII° sec. d.C.) e il Palazzo d’Estate del Dalai Lama, il Norbulingka, risalente al XVIII° secolo.

Dal clima rarefatto e ascetico del Tibet, si passerà a Shanghai, la prima megalopoli mondiale quanto ad abitanti (circa 56 milioni, quasi gli stessi dell’Italia), in modo da ammirare lo skyline fantascientifico di Pudong, magari dal prospiciente Bund, viale che costeggia il fiume Huangpu, caratterizzato da testimonianze architettoniche europee, di origine coloniale (1800). Altre pagine di un’identità stratificata e in continua evoluzione.

Nel cuore, da questo viaggio in Cina e Tibet, rimarrà soprattutto l’armonia equilibrata, ineffabile, di una civiltà di cui non si può carpire l’eterno segreto. Come per l’antidoto che Qin Shi Huang ricercò, invano, tutta la vita.

  • TOUR SULLA VETTA DEL MONDO

    Durata: 11 giorni/ 10 notti
    Lingua: italiano esclusivo (inglese in Tibet)

  • PECHINO

    All’arrivo a Pechino, dopo aver ritirato i bagagli ed aver sbrigato le formalità d’ingresso, incontro con la vostra guida parlante italiano e trasferimento presso l’hotel Presidential BeijingResto della giornata a disposizione.

  • PECHINO

    Prima colazione in hotel ed inizio della giornata dedicata alla visita guidata di Pechino, con particolare attenzione verso le meravigliose strutture architettoniche che testimoniano il ruolo di capitale imperiale assunto durante la dinastie Ming e Quing (dichiarate Patrimonio UNESCO), cominciando dal magnifico centro nevralgico curtense, note come Città Proibita, il complesso costruttivo più grande del mondo, edificato tra 1406 e 1420. Dopo il pranzo in un ristorante selezionato, nel pomeriggio si passerà al Palazzo d’Estate, o Yiheyuan (altro Patrimonio UNESCO), residenza di campagna affacciata sul lago Kunming. Cena di benvenuto allo squisito Beijing Roast Duck Restaurant.

  • PECHINO - GRANDE MURAGLIA (BADALING) - PECHINO

    Prima colazione in hotel e visita alla sezione della Grande Muraglia Cinese chiamata Badaling, a circa 80 km dalla capitale. Ammirata questa colossale opera difensiva e infrastrutturale lunga oltre 8000 km, eretta a partire dal 215 a.C., i cui lavori si si sono protratti fino al XIV° secolo, altro Patrimonio UNESCO, si gusterà un ottimo pranzo e ci si dirigerà verso due notevoli edifici risalenti alle Olimpiadi del 2008: lo Stadio nazionale di Pechino, soprannominato Bird’s Nest, per via della trama a nido d’uccello della copertura, e al vicino Centro Acquatico Nazionale, o “Water Cube”, tra le realizzazioni più avveniristiche dell’architettura contemporanea.

  • PECHINO - XI'AN

    Prima colazione in hotel e visita al Tempio del Cielo, o del Paradiso, sito cultuale taoista che simbolizza l’unione tra Cielo e Terra, Dio e mondo, vegliata e propiziata dal potere imperiale, che promosse la costruzione di questo straordinario sistema di templi, dai preziosi tetti rivestiti di maioliche blu e sormontati da sfere dorate (Patrimonio UNESCO), nella prima metà del XIV° secolo d.C..Dopo il pranzo in un ristorante locale, trasferimento in aeroporto e volo per Xi’an, antica almeno 3100 anni, appartenente al novero delle grandi Quattro Antiche Capitali della Cina. Trasferimento in arrivo presso l’Aurum International Hotel  e tempo a disposizione per relax o attività individuali.

  • XI'AN

    Prima colazione in hotel e successiva visita allo stupefacente Esercito di Terracotta (Patrimonio UNESCO), riproduzione realistica di un’armata, formata da circa 8000 guerrieri e 100 cavalli, posta con valore escatologico nel mausoleo di Qin Shi Huang (III° sec. a.C.), il “primo” imperatore della Cina, in quanto unificò territori immensi e genti disperse. Sosta successiva alla fabbrica di terrecotte seguita dal pranzo in ristorante locale. Nel pomeriggio visita della Piccola Pagoda dell’Oca Selvatica, simbolo della città (VII° sec. d.C.), la Grande Moschea, in insolito, per la religione islamica, stile cinese, e l’attiguo quartiere musulmano.

  • XI'AN - LHASA

    Prima colazione in hotel, trasferimento in aeroporto e volo per Lahsa, capitale della Regione Autonoma del Tibet, il cui nome significa “Trono di Dio”, antica sede del Dalai Lama, sita ai 3600 metri di quota, al cospetto della corona fulgida dell’Himalaya. Trasferimento dall’aeroporto all’hotel Shang Bala. Necessario acclimatamento all’altitudine.

  • LHASA

    Prima colazione in hotel e visita al Palazzo Potala, il quartier generale d’inverno del Dalai Lama, arroccato come in un’acropoli sulla collina – dimora del bodhisattva Avalokiteśvara – che domina la città. La favolosa fortezza-labirinto, costruita nel 1600, fa parte dei Patrimoni UNESCO, coi suoi spalti bianchi che incorniciano un corpo di fabbrica cremisi (i Palazzi Bianco e Rosso), tempietti, cappelle, gallerie, giardini, sembra un miraggio frutto dell’immaginazione, cui accorrono frotte di pellegrini offrendo sciarpe di seta, monete o burro di yak da bruciare nei santuari. Dopo il pranzo in un ristorante locale, tour del Tempio Sera (“siepe di rose”), uno dei capisaldi cultuali del buddhismo tibetano di scuola Gelug, animato quotidianamente dalle discussioni teologiche dei monaci.

  • LHASA

    Prima colazione in hotel e visita al ben proporzionato Tempio Jokhang, considerato dai fedeli il più sacro e importante del Tibet, pregevole fusione di stile Vihara indiano e influssi nepalesi, sovrappostisi nelle varie fasi costruttive, dal 600 al 1600 d.C., che gli è valso l’inserimento nei Patrimoni UNESCO, dovuto anche alla sua portata spirituale. Tra le opere d’arte che ospita, notevole la statua del Buddha Shakyamuni, condotta dalla principessa Wencheng  nell’VII° sec. d.C.. Il circostante quartiere di Barkhor è tutto un vociare di pellegrini, con ondate intense d’incenso. Gustato il pranzo in un ristorante locale, sarà la volta di un altro Patrimonio UNESCO, il Norbulingka, residenza estiva del Dalai Lama, sorta nel 1700.

  • LHASA - SHANGHAI

    Prima colazione in hotel, trasferimento in aeroporto e volo per Shanghai, la “perla d’Oriente”, imaggiore polo economico della Cina ed una delle più moderne metropoli internazionali. Sistemazione in arrivo presso l’hotel Holiday Inn Shanghai Vista.

  • SHANGHAI

    Prima colazione in hotel e mattinata dedicata alla visita del Giardino del Mandarino Yu, capolavoro tardo-cinquecentesco in stile Ming che riproduce il tipico paesaggio del Sud del paese con laghetti, rocce e torrenti, in un microcosmo armonico, e del caotico Bazar della città vecchia. Seguiranno il Tempio del Buddha di Giada, costruito tra 1918 e 1928, e il Bund, viale che costeggia il fiume Huangpu, caratterizzato da testimonianze architettoniche europee, di origine coloniale (XIX° sec.). Dopo il pranzo in ristorante locale, rientro in hotel e pomeriggio libero.

  • SHANGHAI

    Prima colazione in hotel resto della giornata a disposizione fino al trasferimento in aeroporto in coincidenza con il volo per la prossima destinazione.

Alice Tartara
Alice Tartara

Area di esperienza:
Estremo Oriente (dalla Thailandia al Giappone con tutto quello che c'è in mezzo)
Destinazione preferita:
Hokkaido - Giappone
Tipo di viaggio ideale:
Prendo lo zaino e mi fermo solo davanti al mare. Possibilmente in burrasca
Viaggio perchè...
Strana questa cosa dei viaggi, una volta che cominci, è difficile fermarsi.
È come essere alcolizzati.
(Gore Vidal)

Quota di partecipazione

3.030
  • SONO COMPRESI NELLA TARIFFA
  • Tour collettivo con guida parlante Italiano (inglese in Tibet)
  • Pernottamenti, visite e pasti come da programma
  • Trasferimenti come da programma
  • Assicurazione medico/bagaglio
  • Assistenza Alidays 24h/24 e 7 giorni/7
  • NON SONO COMPRESI NELLA TARIFFA
  • Voli intercontinentali e tasse aeroportuali
  • Quota di gestione pratica inclusiva di assicurazione medico baglio (€ 70 p.p.)
  • Mance e tutto quanto non espressamente indicato

Itinerario in mappa