Lo Spoleto Festival USA 2018

Dal 25 maggio al 10 giugno 2018 Charleston, South Carolina, ospita la 41° edizione dello Spoleto Festival USA, una delle principali rassegne di arti performative al mondo

“E’ intima, si può camminare da un teatro a quello vicino. Ha uno charme da Vecchio Mondo, nell’architettura e nei giardini. E tuttavia la sua comunità è grande a sufficienza per ospitare i visitatori del festival.” Così Gian Carlo Menotti, compositore, Premio Pulitzer e ideatore, nel 1958, del Festival dei Due Mondi di Spoleto, giustificava la scelta di esportare la sua innovativa concezione di kermesse culturale, un calendario di esibizioni en-plein-air in aree scenografiche del centro storico, e all’interno di strutture storiche preposte alla rappresentazioni drammatiche o musicali, a Charleston.

Spoleto Festival USA 2018

Così dal 1977 lo Spoleto Festival USA si è imposto come uno dei più significativi appuntamenti mondiali di arti performative. In effetti la cittadina di origine coloniale del South Carolina, sorta nel 1670 e così chiamata in onore di Re Carlo II d’Inghilterra, sviluppatasi su una penisola cinta dai fiumi Ashley e Cooper, protesa verso l’Atlantico, conserva un tessuto urbano – di dimore aristocratiche, giardini segreti, chiese anglicane, romantici cimiteri, vicoletti pirateschi –  che unisce stilemi inglesi e francesi in un risultato di impronta creola, quasi caraibica, mitigato da un’aria distinta, vittoriana, pare un salottino garbato, perfetto quale cornice per gli spettacoli di danza, pieces drammatiche, concerti di musica classica o jazz, show di marionette e via dicendo. Inoltre, al pari di Spoleto, Charleston vanta importanti istituzioni teatrali, ivi incluso il Dock Street Theatre, il primo aperto negli States, nel 1736, ben inserite nella griglia ordinata di questa piccola Londra adorna di palmetti.

L’edizione 2018 dello Spoleto Festival USA, programmata tra il 25 maggio e il 10 giugno, si mantiene fedele alla propria missione ispiratrice, di ospitare artisti di affermata bravura e favorire l’ascesa di giovani talenti, perpetuando il blasone di una quarantennale tradizione (a questo link i programmi dettagliati di tutte le annate), che ha visto avvicendarsi protagonisti di spicco della scena internazionale, come la soprano Renée Fleming, i pianisti Emanuel Ax e Jean-Yves Thibaudet, il violinista Joshua Bell e il violoncellista Yo-Yo Ma.

Oltre le 200 le prime ospitate dallo Spoleto Festival di Charleston. Basti citare, per farsi un’idea della sua importanza, A Lovely Sunday for Creve Coeur di Tennessee Williams, The American Clock di Arthur MillerHydrogen Jukebox di Philip Glass e Allen Ginsberg.
Da non dimenticare che, accanto al programma maggiore, si svolge parallelamente il Piccolo Spoleto, i cui 700 eventi includono anche letture poetiche, attività per i bambini, presentazioni di artigianato etnico e proiezioni cinematografica.

L’edizione 2018

Il quarantunesimo compleanno dello Spoleto Festival di Charleston presenta un calendario suddiviso in nove categorie di performance: opera, teatro, danza, teatro fisico, musica, le rassegne Wells Fargo Jazz e First Citizens Bank Front Row, eventi speciali e conversazioni con gli artisti. Andiamo a vedere gli appuntamenti più significativi.

Opera

Spoleto Festival USA Opera

Tra le rappresentazioni operistiche si segnalano la Pia de’ Tolomei di Donizzetti, una coproduzione dello Spoleto Festival USA con il Teatro di Pisa, il Teatro del Giglio di Lucca e il Teatro Goldoni di Livorno, Tree of Codes, ispirata all’omonimo libro – pezzo d’arte di Jonathan Safran Foer, con musiche dell’australiana Liza Lim, e Il Matrimonio Segreto, dramma giocoso di Domenico Cimarosa, inscenato dalle marionette della compagnia di Carlo Colla.

Teatro

Spoleto Festival USA 2018 Teatro

Passando al teatro, da non perdere The Strange Undoing of Prudencia Hart, scritto nel 2011 da David Greig, portato in scena dal National Theatre of Scotland, il romantico Flying Lovers of Vitebsk, di ambientazione russa, Borders di Henry Naylor, avvincente spaccato sui drammi dei profughi nel Mediterraneo.

Danza

Spoleto Festival USA Danza

Eccezionale la proposta relativa alla danza, con il Miami City Ballet impegnato, oltreché nelle sue esibizioni “usuali” (in realtà straordinarie fusioni di repertorio classico e immaginario contemporaneo), nella celebrazione speciale The Art of the Pas de Deux, dedicata al mitico coreografo Jerome Robbins, la visionaria Dorrance Dance, e l’One of Sixty-Five Thousand Gestures. di tre star di punta del New York City Ballet, vale a dire Jared Angle, Sara Mearns e Gretchen Smith.

Musica classica

Spoleto Festival USA 2018 Musica Classica

Immancabile, ad ogni Spoleto Festival USA che si rispetti, la componente della musica classica. La prodigiosa ensemble della Bank of America Chamber Music (includente virtuosi del livello del controtenore Roth Costanzo, della violinista Livia Sohn, del pianista Inon Barnatan, della violista Meena Bhasin e del violoncellista Joshua Roman), il Mozart di Pedja Muzijevic e il Mahler della Spoleto Festival USA Orchestra’s, il coro di Westminster. Manna divina per le orecchie e l’anima.

Jazz

Spoleto Festival USA 2018

Il Jazz appartiene allo spirito del Sud degli States, ed è forse l’espressione più sublime dell’arte americana. Lo Spoleto Festival USA onora il genere afroamericano con concerti di suoi importanti esponenti, il Fred Hersch Trio, Jon Batiste, Jazzmeia Horn, il Chucho Valdés Quartet, il duo Craig Taborn, gli Artifacts e il Trio 3 plus Vijay Iyer. Note in blu, nelle sere tenui della primavera avanzata di Charleston.

in collaborazione con