In viaggio sull’U.S. Civil Rights Trail

Alidays partner italiano di Travel South per la promozione dell’U.S. Civil Rights Trail

Strength to love, la forza di amare: il titolo della raccolta di sermoni di Martin Luther King Jr., pubblicata nel 1963, un vibrante concentrato di eloquenza biblica ed etica della non violenza, condensa perfettamente la portata dell’U.S. Civil Rights Trail, itinerario storico-culturale che include, in 14 stati del Sud degli USA., oltre 100 luoghi teatro, tra gli anni ‘50 e ‘60 del XX° secolo, dei principali episodi nella campagna per l’uguaglianza politica e sociale della popolazione afroamericana, sottoposta a un pesante regime di segregazione e discriminazione razziale.

Alidays ha accolto con onore ed entusiasmo il ruolo di partner ufficiale in Italia di questo progetto, varato il 1° gennaio 2018 (nell’anniversario del Proclama di emancipazione siglato da Lincoln lo stesso giorno del 1863) da Travel South USA, a seguito di un lavoro preparatorio triennale che ha coinvolto rappresentanti di spicco del mondo istituzionale e accademico americano. L’idea embrionale si deve a Jonathan Jarvis, direttore tra 2009 e 2017 del National Parks Service, e al suo proposito di candidare i territori della lotta per i diritti civili a Patrimonio UNESCO, dato il valore universale del messaggio di giustizia e civiltà donato, col sacrificio di migliaia di donne e uomini, all’età contemporanea, sempre attuale a fronte delle rimontanti recrudescenze di intolleranza e fanatismo.
In seguito Glenn Eskew, docente di Southern History alla University of Georgia, ha compiuto un censimento di 60 siti rilevanti, completato da Lee Sentell, direttore dell’Alabama Tourism Department, fino a pervenire a una rete capillare e dettagliata che contempla, in aggiunta agli episodi più celebri, tappe poco note o a torto considerate minori. Tutti i gesti, gli scontri, i dolori, gli atti di coraggio, le morti che, forgiati da un’unica volontà, sono confluiti, come innumerevoli gocce, a formare un’ondata potente, rivoluzionaria.

La forza di amare. Quella che trasuda dai mattoni sbiaditi della 16th Street Baptist Church di Birmingham, obiettivo nel 1963 di un attentato terroristico orchestrato dal Klu Klux Klan, che portò alla morte di quattro bambini, e dalle pareti scialbe della cella in cui Martin Luther King, recluso, compose la Letter from Birmingham Jail, un documento che sta all’altezza delle denunce dei grandi della storia ingiustamente perseguitati e rimasti, comunque, fedeli ai propri principi, da Socrate a Gramsci; che emana dal volto, dignitoso e fiero, di Rosa Parks, la first lady of civil rights rifiutatasi, nel 1955, di lasciare a un bianco il posto a sedere su un bus pubblico di Montgomery; che continua ad avanzare, a pugni chiusi, vuoti di armi, sul ponte Edmund Pettus di Selma, invano pestata a sangue, nella domenica già primaverile di un marzo del 1965, dalla polizia in carica; che ancora oggi veglia in silenzio, sul balcone del Lorraine Motel di Memphis, il corpo accasciato del grande leader, colpito il 4 aprile 1968 da un ignobile cecchino che si illuse, uccidendo un uomo, effimero, di spegnerne l’ideale, immortale; che visse e aleggia nei villaggi di campagna, nei fast food di provincia, nelle chiese, nelle scuole elementari e nei college universitari, negli scioperi e nelle marce, in generale nello spirito di un popolo, l’afroamericano, figlio di una deportazione secolare e di generazioni senza nome, che ha reclamato la propria dignità, riconosciuta finalmente dal Civil Rights Act firmato nel 1968 dal Presidente Johnson.

16th Street Baptist Curch di Birmingham U.S. Civil Rights Trail U.S. Civil Rights Trail U.S. Civil Rights Trail U.S. Civil Rights Trail

Alidays, in coordinamento con la rappresentanza italiana di Travel South, presieduta da Olga Mazzoni, si propone di sensibilizzare il pubblico nostrano sul circuito dell’U.S. Civil Rights Trail. Il palinsesto di pubblicazioni e comunicazioni digitali prevede, su un arco di più mesi, cinque proposte di viaggio che si snodano tra città simbolo, pietre miliari della memoria, musei e centri visita, e altrettanti approfondimenti tesi a mettere in luce la molteplicità di galassie scaturite e connesse al movimento per i diritti civili, con riferimenti letterari, musicali, cinematografici, artistici, antropologici. Sullo sfondo acquattato, disteso, del vasto Sud, dei suoi paesaggi che vanno dalle selve montane ai cordoni di sabbia costieri, solcato dal ventre verde del Mississippi, una terra lenta come i suoi fiumi, ma solo apparentemente immobile. Perché in lei pulsa un motore più silenzioso, impercettibile, ma inesorabile. La forza di amare.

in collaborazione con