Viaggio nelle Filippine

Scopri tramite i nostri tour spiagge da sogno, biodiversità e squisite prelibatezze: parti alla scoperta dei meravigliosi angoli delle Filippine!

Basterebbe citare i nomi delle oltre 7 mila isole che compongono l’arcipelago e quello dei tanti popoli che, uno dopo l’altro, si avvicendarono al potere su questi mari per comprendere la complessità delle Filippine. A questo quadro culturale e geografico articolato bisogna aggiungere uno strato naturalistico, perché le Filippine sono la culla della biodiversità e dell’endemismo, con un numero di specie faunistiche, sia marine che terricole, che lascia decisamente a bocca aperta. Un viaggio Filippine deve tenere in conto tutte queste “stratificazioni” culturali e naturali se i turisti vogliono arrivare al vero cuore di questa destinazione.
È quindi impossibile slegare la fisionomia delle Filippine dalla sua lunga e complessa storia. In epoca preistorica e fino al XIV secolo furono tantissime le ondate colonizzatrici, la cui ultima in ordine di tempo fu quella araba-musulmana, che introdusse l’Islam sull’isola di Mindanao. L’evento che cambiò la storia delle Filippine fu sicuramente l’arrivo degli esploratori spagnoli: il primo contatto avvenne per mano del portoghese Ferdinando Magellano, il primo circumnavigatore del globo, nel 1521, mentre le prime penetrazioni armate nell’arcipelago sono della metà del XVI secolo, condotte dai conquistadores Ruy Lopez de Villalobos e Miguel Lopez de Legazpi.
In seguito alla conquista spagnola e all’introduzione in buona parte delle isole del cattolicesimo, l’arcipelago fu rinominato Las Islas Filipinas, in onore dell’allora sovrano di Castiglia, Filippo II. La dominazione spagnola durerà oltre 300 anni e ha lasciato in dote una serie di magnifici monumenti coloniali, fortezze e chiese barocche, che abbelliscono le città principali dello stato.
Il XX secolo inizia con la brusca fine della colonizzazione spagnola, sostituita dal protettorato degli Stati Uniti d’America. Le Filippine sono bruscamente colpite dalla Seconda Guerra Mondiale e invase dall’esercito giapponese, per essere riconquistate dagli Usa solo nel 1944. L’agognata indipendenza per le Filippine arriva nel 1946, e da allora il paese ha potuto intraprendere, liberamente, la sua strada.
Ma più ancora che per i suoi monumenti, le Filippine sbalordiscono per gli incredibili panorami naturali. Le tante isole che formano l’arcipelago hanno forme e fisionomie diverse, e si va dagli atolli corallini alle isole rocciose fino alle formazioni vulcaniche. Il clima tropicale ha sviluppato una straordinaria vegetazione, con la foresta pluviale che copre per oltre il 50% il territorio dello stato. Per questo molti di coloro che decidono di fare un viaggio Filippine scelgono di dedicare una parte della vacanza alla scoperta di questi paesaggi incredibili. Luzon, l’isola più grande a Nord dove si trova la capitale Manila è dominata da una serie di enormi caldere vulcaniche ma anche da enormi pianure. Le isole centrali invece, come Cebu e Bohol, sono dominate da rilievi collinari (famosissime sono le Chocolate Hills di Bohol) o da strabilianti formazioni rocciose (come ad esempio i “fiordi” di El Nido sull’isola di Palawan). A Sud si trova l’isola di Mindanao, montagnosa e vulcanica.
Su queste isole, come abbiamo detto, si sono sviluppate incredibili specie di fauna e di flora. Endemiche sono oltre mille specie di mammiferi, uccelli e rettili, di cui il simbolo e animale più famoso è probabilmente il Tarsio, un piccolissimo primate che si nasconde nelle foreste delle isole a Sud.
Ovviamente di grandissima attrattiva per un viaggio Filippine sono le splendide spiagge coralline e il mare caldo tutto l’anno. Una meta tropicale come questa conta diverse mete costiere dove potersi rilassare attorniato dallo splendore paesaggistico o dove poter praticare attività legate al mare come snorkeling e immersioni. Le più famose spiagge delle Filippine sono sicuramente quelle dell’isola di Boracay, ma spettacolari sono anche quelle di El Nido a Palawan, o quelle dell’atollo di Siargao, dove si pratica dell’ottimo surf.

viaggio Filippine bandiera

Nome ufficiale: Repubblica delle Filippine (Repúbliká ng Pilipinas)

Lingue: per via della sua lunga storia, le Filippine riconoscono due lingue ufficiali, il filippino e l’inglese. Molto diffusi a livello regionale sono lo spagnolo e l’arabo.

Capitale: Manila (1.615.000 ca)

Popolazione: 92.337.000 ca

Superficie: 300.000 ca Km2

Città principali: Quezon City (2,7 mil. ca), Manila (1,6 mil. ca), Caloocan (1,3 mil. ca), Davao (1,3 mil. ca).

Le Filippine seguono il fuso orario GMT/UCT + 8 ore. La differenza con con l’Italia è di 7 ore durante l’orario solare, di 6 durante l’ora legale. La valuta ufficiale delle Filippine è il peso filippino (PHP).

Le Filippine hanno un clima tropicale caldo e umido. La temperatura media annuale è di circa 26,5 °. L’anno è suddiviso in tre stagioni: la stagione calda o estate da marzo a maggio, la stagione delle piogge da giugno a novembre, la stagione fredda, da dicembre a febbraio. La capitale Manila e la maggior parte delle zone di pianura risultano calde e polverose da marzo a maggio. Anche in questo periodo le temperature medie superano di rado i 37° mentre quella del mare raramente scende sotto i 27°. Le precipitazioni medie annue nelle regioni montuose sulla costa orientale possono arrivare fino a 5.000 millimetri, mentre nelle valli più riparate dalla pioggia meno di 1.000 mm. L’intero arcipelago è spesso soggetto a passaggi di uragani e tifoni da luglio a ottobre. Il primo semestre dell’anno, da Gennaio a Maggio, è il momento migliore per visitare il paese. Da novembre a febbraio è freddo, mentre marzo a maggio è caldo e secco. Tra giugno e ottobre è piovoso, con i mesi tra luglio e settembre caratterizzati da tifoni. Alcune parti del paese come Cebu, sono accoglienti e confortevoli in tutte le stagioni e possono essere visitate durante tutto l’anno.

È necessario il passaporto, con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’arrivo nel Paese. Non è richiesto visto d’ingresso per soggiorni di durata inferiore ai 21 giorni. In caso di soggiorni più lunghi (più di 21 ma meno di 59 giorni), si può richiedere l’estensione gi` al momento dell’arrivo in aeroporto; altrimenti ci si dovrà recare prima del 21º giorno al Bureau of Immigration (Magallanes Drive, Intramuros, Manila. Tel.: 0063 2 527 3248). In entrambi i casi l’estensione ha un costo di circa 60 dollari USA.

Per avere le ultime notizie sul contesto del Paese rimandiamo al sito Viaggiare Sicuri del ministero degli Esteri, per avere un rendiconto dettagliato della situazione generale del paese.

Consulta il sito Viaggiare Sicuri qui:

Viaggiare sicuri farnesina

Non è richiesta alcuna particolare vaccinazione.

Per maggiori informazioni riguardo alla situazione sanitaria dell’Argentina rimandiamo al sito istituzionale della World Health Organization, sempre aggiornata con informazioni mediche su ogni Stato.

Consulta il sito World Health Organization qui:

Scopri tutte le proposte Alidays per un viaggio Filippine

Vuoi scoprire di più sulle Filippine? Leggi gli articoli di Fluidblog by Alidays dedicati a questa destinazione

in collaborazione con: