Bryce Canyon National Park

Lo stupore che colse J.W. Humphery, nel lontano 1915, alla prima vista del Bryce Amphiteater, è assolutamente lo stesso che ancora oggi si rivela sui volti dei turisti attratti da questo angolo nel sud-ovest dello Utah.

Acqua, vento e ghiaccio hanno lavorato duramente nel corso degli anni per modellare le guglie ricche di calcare e arenaria – alcune delle quali alte quasi 30 metri – frutto dell’erosione di rocce sedimentarie fluviali e lacustri. I pinnacoli, conosciuti come hoodoos, distribuiti senza soluzione di continuità su una superficie di quasi 145 km quadrati, danno vita a un vero e proprio anfiteatro, le cui prospettive sono apprezzabili da diversi punti d’osservazione, comodamente raggiungibili grazie alla strada asfaltata che costeggia il parco.

Bryce National Park, Utah, United States of America

Quando visitare Bryce Canyon National Park

Il parco nazionale di Bryce Canyon è sempre aperto. Solo le avverse condizioni metereologiche possono porre dei limiti: sviluppandosi tra i 2.400 e i 2.700 metri sul livello del mare, l’area è soggetta d’inverno a sensibili escursioni termiche durante il corso dell’anno.

Il periodo suggerito per visitare il parco è tra la primavera e l’estate, quando le giornate non sono mai troppo calde e le serate sono miti. I viaggiatori invernali più fortunati, tuttavia, potranno godere della vista innevata dell’anfiteatro, tra i panorami in assoluto più seducenti di tutta la West Coast.

Come visitare Bryce Canyon National Park

Esplorare il parco è molto semplice: oltre all’immancabile Shuttle Bus gratuito (orari e info sulle frequenze disponibili presso il Visitor Center), i viaggiatori possono raggiungere i diversi overlook comodamente con la propria auto, percorrendo la UT63, che collega Bryce Canyon City al lontano Rainbow Point, punto panoramico eccezionale da cui ammirare il grandioso paesaggio.

Se volte un elenco dei migliori punti d’osservazione, eccoli di seguito.

  1. Bryce Point

È uno dei punti più alti da cui ammirare il panorama, con gli hoodoos che si vestono di colori intensi e stravaganti soprattutto durante le prime luci del mattino, quando l’alba tende a scaldare e far brillare le rocce, offrono generose opportunità per realizzare lo scatto perfetto.

  1. Sunset Point

Capolinea del “Navajo Loop”, frontale rispetto ad alcuni degli hoodoos più belli di tutto il parco, è un punto panoramico di rara bellezza.

  1. Rainbow Point

Siamo nel sito più esposto a sud del parco: da qui, sguardo rivolto all’orizzonte, è possibile apprezzare l’estensione di tutto il Canyon.

  1. Yovimpa Poing

È il miglior punto per osservare e apprezzare il fascino imperiale del “The Grand Staircase”, imponente struttura rocciosa che l’occhio tende volentieri a confondere con una grande scalinata.

  1. Inspiration Point

Non uno, ma ben tre differenti prospettive del canyon, una più eccelsa dell’altra.  Il parco può essere esplorato anche grazie ai numerosi sentieri che lo attraversano, molti dei quali estremamente facili da seguire e non troppo lunghi. Una caratteristica importante, che consente a tutti i viaggiatori di poter ammirare questo generoso omaggio della natura.

Tra i vari trail percorribili ve ne consigliamo 5.

  1. Rim Trail

Un sentiero di facile percorrenza, lungo circa 18 km, ideale per toccare tutti i punti di maggiore interesse

Bryce National Park, Utah, United States of America

  1. Sunset Point – Sunrise Point

Un chilometro e mezzo tra i due overlook, per ammirare tutte le diverse sfumature dell’anfiteatro dall’altro.

  1. Riggs Springs Loop Trail

Un cammino particolare, lungo circa 14 km, completamente ricavato all’interno del bosco di abeti e pini, per vivere la parte più verde del Canyon, in partenza da Yovimpa Point.

  1. Fairyland Loop Trail

Rispetto ai precedenti, questo tragitto – 13 km circa – è abbastanza impegnativo: dal Fairyland Point si scende nella valle del canyon, giungendo sino al Tower Bridge.

  1. Navajo Loop

Questo breve itinerario circolare, in partenza dal Sunset Point, consente di scendere sino al cuore dell’anfiteatro di Bryce, grazie al celebre sentiero chiamato “Wall Street”.

Ulteriori opportunità per visitare Bryce Canyon National Park

Oltre a trail e overlook, sono molteplici le opportunità per visitare il parco. Gli stessi rangers in alta stagione organizzano diverse attività con e per gli ospiti, alcune delle quali anche in notturna, per vedere il canyon illuminato solo dal chiaro di luna.

Immancabili le passeggiate a cavallo e le passeggiate sulla neve durante la stagione invernale.

Ai più audaci consigliamo il sorvolo in elicottero del canyon, mentre gli amanti delle stelle e della notte non possono perdere l’appuntamento annuale con il Festival Astronomico realizzato dalla Salt Lake Astronomical Society, per ammirare la via lattea sopra gli hoodoos.

Flora e fauna

All’interno del parco è possibile distinguere 3 differenti habitat, ciascuno caratterizzato dal proprio microclima: nella parte superiore troviamo una foresta di abeti e pioppi, nella parte centrale si distingue una ricca foresta di pini gialli, mentre a bassa quota regna una foresta di pini e ginepri.

All’interno di queste foreste trovano riparo e ristorno molte specie di animali, alcune facilmente visibili (impossibile non scorgere un cervo o uno scoiattolo), altre estremamente rare da incontrare, come il Condor della California o il coguaro, meglio conosciuto come puma o leone di montagna, entrambi in via d’estinzione e per questo estremamente protetti all’interno del parco.

Bryce National Park, Utah, United States of America

Come raggiungere Bryce Canyon National Park

Las Vegas (Nevada) e Salt Lake City (Utah), a dispetto delle 270 miglia di distanza, rappresentano le due città con aeroporto internazionale più prossime al parco. A minor distanza, rispettivamente a 80 e 120 miglia, troviamo aeroporti locali nelle piccole città di Cedar City e St. George.

Bryce rappresenta una tappa obbligata nei viaggio on the road e, per visitarlo, i viaggiatori possono percorrere due splendide “Scenic Byways“: chi arriva da nord incontra la strepitosa  UT-12 (che nasce dal Capitol Reef National Park e attraversa sia Escalante che Kodachrome Basin State Park), chi arriva da sud la famosa Zion Mt Carmel Highway, UT-9.

Il parco dista solamente 3 ore da Page (porta d’accesso a Lake Powell e al famoso Antelope Canyon) e meno di 2 ore da Kanab, caratteristica cittadina da cui parte il sentiero che conduce i più fortunati a visitare il famoso “The Wave”, uno dei luoghi più suggestivi di tutto il pianeta.

Dove dormire a Bryce Canyon National Park

Bryce Canyon City, minuscola cittadina situata a pochi minuti di distanza dall’ingresso del parco, rappresenta senza dubbio la soluzione più comoda per pernottare nei pressi del parco. Qui gli hotel non sono moltissimi, motivo per cui è consigliato prenotare il soggiorno con largo anticipo. Tra i migliori, possiamo senza dubbio citare il BW Plus Ruby’s Inn, BW Plus Bryce Canyon Grand Hotel, ol Bryce Canyon Resort.

Per chi cerca soluzioni più caratteristiche, il Bryce Country Cabins, situato nella vicina cittadina di Topic, rappresenta senza alcun dubbio una soluzione ricca di fascino.

Approfondimenti e consigli utili

Al Visitor Center, situato in prossimità dell’ingresso del parco, ciascun ospite può ritirare una mappa, disponibile anche in lingua Italiana, e decidere con serenità quale percorso seguire togliendosi gli ultimi dubbi, grazie ai preziosi consigli dei Ranger.

Ricordate sempre di avere con voi la macchina fotografica e, soprattutto, una sufficiente scorta d’acqua, pari almeno a 2 litri per persona, soprattutto nei periodi più caldi dell’anno.

 

Per maggiori informazioni, vi consigliamo di visitare:

How to visit Bryce Canyon National (Utah.com)

Bryce Canyon National Park (Offical NPS Website)

Parco Nazionale di Bryce Canyon (Wikipedia)

Fluidtravel: le migliori esperienze da vivere a Bryce Canyon

 

2019-12-16T18:31:51+00:00

CATEGORIE

POST RECENTI

ARCHIVIO

SCOPRI I NOSTRI VIAGGI