Una viaggio alle Hawaii permette di scoprire un pezzo di Polinesia negli USA. L’arcipelago vulcanico, composto da otto isole principali –  Niihau, Kauai, Oahu, Molokai, Lanai, Kahoolawe, Maui e Hawaii (Big Island) – e da circa 130 scogli satellite, dopo essere entrato nell’orbita statunitense a partire da metà 800, ne è divenuto il 50° ed ultimo stato nel 1959.

Posizionate a circa 4000 km dalla costa americana, il primo sostrato etnico delle Hawaii fu probabilmente costituito da gruppi umani provenienti tra 500 e 800 d.c. dalle Isole Marchesi che, nella loro lingua polinesiana, ribattezzarono la nuova dimora con il termine, riscontrato anche tra i Maori, che indica la “patria spirituale”, il rifugio degli antenati, una Terra Promessa sperduta nel seno azzurro dell’Oceano Pacifico. Fino all’arrivo degli Europei, giunti al seguito di James Cook nel 1778, le Hawaii dovettero rappresentare un paradiso ancestrale, sottratto alle vicende della storia. La terra dell’Aloha, l’amore accogliente, aperto, pacifico. L’isola che non c’è.

Mare, surf (già James Cook descriveva, nei suoi diari, l’abilità con cui gli hawaiani cavalcavano le onde grazie all’arte dell’he’e nalu), biologia, vulcanologia, astronomia, etnologica. Tutto ciò sono delle vacanze Hawaii, in grado di soddisfare i gusti più disparati.

Big Island, o Hawaii, l’isola più estesa (10.432 kmq su 28.000 totali), è dominata dalle massime vette vulcaniche dell’isola, il Mauna Kea (4205 metri che, se misurati dalla base, concorrono ad eleggerlo montagna più alta della Terra, con 9.966 metri) e il Mauna Loa (4170 metri), per volume il più grande vulcano attivo al mondo. Le pendici dei rilievi interni sono solcate, come un’enorme acquasantiera, da ruscelli e cascate (si segnalano, nella valle di Kohala, salti che superano i 600 metri) che si riversano verso spiagge di magma nero solidificato.

Oahu, la terza isola per estensione, è invece quella maggiormente popolata, con circa 1 milioni di abitanti, concentrati in buona parte nell’area metropolitana di Honolulu, città poliedrica e dall’affascinante sincretismo di stili architettonici e urbani.

Maui, la seconda isola, dominata dal vulcano Haleakalā, alto oltre 3000 metri, famosa per le coltivazioni di ananas, caffè, canna da zucchero e papaya, presenta scenari naturalistici intatti e il brio notturno di Lahaina, capitale hippy del Pacifico.

Degne di note anche le isole di Kauai, caratterizzata da un microclima tropicale che alterna paludi, tratti di spessa giungla e spettacolari formazioni geologiche, e la sinistra Lanai, lasciata disabitata per oltre 1000 anni dagli indigeni perché ritenuta infestata da spiriti maligni.

Un viaggio Hawaii con Alidays ti riporterà in un miraggio perduto. Aloha.

INFO GENERALI

COSA VISITARE

COME ARRIVARE

QUANDO ANDARE

DOCUMENTI NECESSARI

INFO UTILI

LINK UTILI

ALTRE INFO

PARTI CON NOI