Argentina

Idee di Viaggio

Un viaggio in Argentina è una esperienza unica, una delle più belle che si possano fare.

Destinazione estesa, stupisce per il contrasto dei suoi territori, lunga quasi 4000 km e con una superficie di ben 800.000 kmq. In un viaggio in Argentina si possono ammirare molti dei luoghi più belli del mondo, dalle Cascate di Iguazù, immerse nelle foresta pluviale del film di Mission, alla Terra del Fuoco, ultimo avamposto prima dell’Antartide. Viaggiare in questa propaggine di Sud America significa riempirsi l’anima della visione di molteplici panorami, come quella delle immense praterie con il profilo delle maestose Ande sullo sfondo.

Scoprirete l’anima di Buenos Aires, molto latinoamericana e molto europea. Senza dimenticare i suoi quartieri iconici: il genovese La Boca con le sue case colorate, La Recoleta con il suo stile parigino e il Montserrat, cuore storico della città.

Gli argentini sono il larghissima misura discendenti da europei, specialmente italiani. Un incontro con i locali è come ritrovare cugini da tempo perduti.

 

 

REQUISITI DI INGRESSO ARGENTINA

A partire dal 16 dicembre 2021 è possibile raggiungere l’Argentina per motivi turistici. Gli stranieri non residenti che entrano per motivi turistici in Argentina devono aver completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni.

Uno schema di vaccinazione completo è inteso come definito dalle autorità sanitarie di ciascun paese di provenienza in cui è stato effettuato il vaccino.

Per gli italiani guariti dalla malattia sono richiesti un certificato di guarigione e l’attestazione di aver ricevuto almeno una dose di vaccino (condizione equiparata a quella di coloro che abbiamo completato il ciclo vaccinale).

I viaggiatori senza un ciclo vaccinale completato a 14 giorni prima dell’entrata dovranno essere isolati, per 7 giorni da quando il test è stato fatto, e prova o certificazione consolare dell’esenzione di vaccinazione insieme agli altri requisiti per i viaggiatori vaccinati. Inoltre chi entra nel paese per ragioni turistiche deve presentare il risultato di un test PCR covid negativo effettuato nelle 72 ore precedenti al viaggio.

Gli stranieri dovranno avere un’assicurazione sanitaria COVID-19, con copertura per servizi di ricovero, isolamento e/o trasferimenti sanitari, per coloro che risultino positivi, sospetti o con contatti stretti. Infine, prima dell’ingresso in Argentina è necessario completare una dichiarazione giurata (48 ore prima) alla quale si accede attraverso la pagina: https://ddjj.migraciones.gob.ar/app/home.php

Per i minori a partire dai 6 anni di età è richiesto un PCR negativo effettuato non più di 72 ore prima del viaggio. Per i bambini di età superiore ai 6 anni è prevista l’attestazione del ciclo vaccinale completo se obbligatorio nel paese di origine o se effettuato in maniera volontaria.

DURANTE IL SOGGIORNO IN ARGENTINA

La possibilità di trasferimenti interni tra le varie provincie e le categorie di persone autorizzate sono soggette alle decisioni assunte dalle Autorità argentine, comprese le Amministrazioni di Governo delle 24 Province che godono di autonomia anche nella definizione dei differenti regimi relativi alla prevenzione del contagio.

Per questo motivo, si raccomanda di consultare canali e siti di informazione a livello nazionale, già indicati, e delle Province di specifico interesse, nonché il sito www.argentina.gob.ar/verano relativo ai viaggi tra Province, per i quali è previsto un certificato ottenibile al sito https://www.argentina.gob.ar/salud/coronavirus-COVID-19.

AL RIENTRO IN ITALIA

A partire dal 01 marzo 2022 non sarà più necessario sottoporsi al tampone di controllo per il rientro in Italia purché la persona sia completamente vaccinata e munita di Green Pass da esibire alla compagnia aerea prima del check-in.

E’ obbligatorio compilare il modulo dPLF Digital Passenger Locator Form scaricabile in questo link: https://app.euplf.eu/#/ Una volta compilato ed inviato il modulo, il passeggero riceverà al proprio indirizzo e-mail, il dPLF in formato pdf e il QRcode che dovrà presentare alla compagnia aerea al momento del check-in.

VOLI CON SCALO

Nel caso il volo non fosse diretto, ma con scalo/transito in un altro Paese si prega di consultare il sito: https://www.viaggiaresicuri.it/ per aggiornamenti relativi alla documentazione di viaggio anche per i soli transiti. In alcuni casi è necessario compilare on line un formulario.

IN EVIDENZA

A seguito delle continue variazioni delle normative che regolano gli spostamenti tra i paesi e le regioni, è fondamentale che i passeggeri, prima della partenza, consultino i seguenti siti:

https://www.viaggiaresicuri.it/

https://www.viaggiaresicuri.it/approfondimenti-insights/saluteinviaggio

https://reopen.europa.eu/it/

E’ altresì importante verificare sui siti ufficiali delle singole strutture, nonché sui siti istituzionali di regioni e Paesi di destinazione, le misure di contenimento e di protezione anti Covid-19. Le regole di ingresso dei vari paesi potrebbero variare per cittadini di nazionalità diversa da quella italiana. In questo caso è necessario rivolgersi alla propria ambasciata.

Le stagioni in Argentina sono invertire rispetto a quelle del nostro emisfero. Data la vastità del Paese il clima risulta diversificato sul territorio: Buenos Aires, la Pampa e le province centrali (Còrdoba, Santa Fè, Entre Rìos) fanno parte della fascia temperata (simili all’Italia) ma con stagionalità invertite. A Iguazu e nella provincia di Misiones è caldo e umido tutto l’anno, con frequenti piogge. In Patagonia le temperature medie sono comprese tra i 5º ed i 10º da giugno ad agosto (inverno); tra gli 8º e i 18º da settembre a novembre e da aprile a maggio (primavera e autunno); tra i 18º e i 26º da dicembre a marzo (estate). La possibilità di importanti escursioni termiche nell’ambito della giornata suggerisce un abbigliamento a strati. Nella regione Ushuaia e della Terra del Fuoco e nella Penisola Valdes, il clima è tendenzialmente più freddo ma difficilmente si abbassa sotto gli 0 gradi. Il nord -ovest (Jujuy, Salta, Santiago del Estero, Tucumàn, Catamarca, La Rioja) è molto caldo con inverni miti.

Per l’ingresso in Argentina il visto non è richiesto, a meno che non si desideri soggiornare per oltre sei mesi, tre mesi rinnovabili per altri tre mesi. Occorre essere in possesso del passaporto con una validità non inferiore ai sei mesi dalla data di ingresso nel Paese.

Per avere le ultime notizie sul contesto del Paese rimandiamo al sito Viaggiare Sicuri del ministero degli Esteri, per avere un rendiconto dettagliato della situazione generale del paese.

Consulta il sito Viaggiare Sicuri qui:

Viaggiare sicuri farnesina

Strutture sanitarie: gli standard qualitativi delle strutture sanitarie, pubbliche e private sono, nel complesso, soddisfacenti. L’assistenza a pagamento è di ottimo livello. Febbre Gialla: La vaccinazione contro la febbre gialla è raccomandata per tutti i viaggiatori di età superiore a 9 mesi se si intende visitare la provincia di Corrientes e Misiones, aree di foresta pluviale o Iguazu. E’ obbligatoria solo per coloro che dall’Argentina desiderano recarsi in altri stati che prevedono tale certificazione provenendo da area considerate a rischio di febbre gialla. La vaccinazione è da effettuarsi con almeno 10 giorni di anticipo rispetto alla data di partenza. Malaria: Il rischio di malaria è molto basso, limitato ai dipartimenti di Oran e San Martin in provincia di Salta nel nord del paese e, in misura minore, nelle province di Corrientes e Misiones. Non esiste alcun rischio in altre aree del paese.

Poichè la situazione sanitaria del paese è in continua evoluzione si raccomanda di consultare il sito http://www.who.int/countries/en/ e il sito della Farnesina. L’obbligo di vaccinazione se non vigente al momento della stesura del preventivo, potrà essere introdotto, anche successivamente alla conferma e in qualsiasi momento, senza preavviso.

Consulta i siti:

Viaggiare sicuri farnesina

Zona mappa

Condividi sui tuoi social

© 2021 Alidays Spa | Powered by Altrama Italia